Sos gajos: lìberos, rispetados, uguales

Apo semper pensadu chi, in una sotziedade tzivile, s’incrinu sessuale de una persone, non depet èssere mai cajone pro la pònnere a banda. Sa libertade de espressare su naturale de ognunu in su sessu est unu deretu universale. E, pro fadu bonu, cumpartzidu dae sa parte mègius de s’umanidade. Defensare s’ìndula lìbera de òmines o fèminas, o gajos, o transgender, o transessuales, o travestidos o intersessuales, diat dèpere èssere sa punna de ogni liberale, o libertàriu, o democràticu, o persone tzivile de custu mundu.

Read More

Sa fine de sa Lega? Nos batit bona sorte

Tante volte, nel discutere di cose sarde con persone normalmente disinformate sui nostri affari (cioè il 99,9% dei Continentali), ci si ritrova di fronte alla solita frase: “ma allora siete come i leghisti!”. Questo solo in Italia, perché altrove è chiaro che i nostri sono problemi condivisi da tantissime aree d’Europa in cui gli Stati nazionali si sono sviluppati negando la preesistente complessità etnica.

Read More

Bastat sa Die de s’aciapa, mègius sa de sa limba

E se il 28 aprile, festa de Sa Die de Sa Sardigna, si trasformasse nella festa della lingua sarda? L’idea è dello studioso Roberto Bolognesi e a me piace molto. Bolognesi avanza la proposta nel suo blog, in due interessanti post dal titolo “Sa die de su sardu” e in “Eppure è semplice: chi la organizza Sa Die de Sa Limba?”.Leggiamo. “Eppure è semplice.

Read More

Su sardu in manos de sos anarfabetos (de sa Regione)


No li bastaiat a sa limba sarda de èssere istrochida in italianu: b’at a chie l’istrochet in ingresu puru. Abistade comente su situ de su guvernu sardu iscriet “in paris” o, si cherides, “imparis”: impari’s. In paris (o imparis) cheret narrere together in ingresu, tous ensemble in frantzesu, juntos in spannolu, së bashku in albanesu e gasi e gasi. Impari’s non cheret nàrrere nudda, si no in sa conca de carchi anarfabetu (de torrada e de andada) chi abitat sos ufìtzios de sa Regione sarda chi, a bi so ca, sunt cumbintos chi su sardu siat una chistione de folclore e bia: si unu ballende faddit unu passu, passèntzia.Sa Regione sarda tenet un’ufìtziu de sa limba sarda.

Read More

Bolognesi: quanto ci costa l’italiano

Nei primi anni Novanta ero un neolaurato disoccupato e sono andato a lavorare come traduttore per una ditta informatica.Dovevo tradurre i manuali del software dall’inglese.Chi mi pagava? Voi che compravate il software.

Read More

Gilda: pro non faeddare de sardu in iscola ,

Zuanne Frantziscu Pintore


Sa Gilda de Nùgoro est inchieta a fera contra a sas comunas e sas provìntzias sardas e cun sa Regione ca no ant pedidu a su Guvernu italianu una pròroga de un’annu pro pònnere in su pròpiu muntone iscolas cun prus pagu de 500 dischentes, mancari esserent de biddas diferentes.

Read More

Maninchedda, l’indipendenza e la lingua.

Ve la ricordate quella volta che Renato Soru ha minacciato di far pignorare la scrivania del Ministro delle Finanze? La scrivania era di Quintino Sella–si, quello che a Iglesias si fa immortalare da un minatore che non ha nemmeno i soldi per comprarsi camicia e pantaloni!–e il ministro era Tremonti.

Read More

La Carta europea dell’entusiasmo e della beffa

La presunta “ratifica” della Carta Europea delle Lingue regionali e minoritarie di qualche settimana fa, nonostante qualche scivolone di interpretazione procedurale e l’ottimismo ingiustificato dell’ufficio stampa del Governo di Roma, ha scatenato una nuova ondata di interesse per la questione mai sopita, e però mai esaltata, della nostra lingua “regionale”.

Read More

Pesare sos fìgios in sardu: una richesa pro cras

Faeddare in sardu a sos fìgios? A si podet? E comente si faghet? E a cumbenit? Faghimus male a sos pipios e los istrubbamus pro imparare s’italianu e s’inglesu? Ma no est mègius chi l’imparent in iscola? O in carrera? Sunt custas unas cantas pregontas chi intendo semper cando arresono a fùrriu de custu tema dìligu.

Read More

Tziu Giuanni: un’òmine mannu mannu chi pariat minore

Giuanni Lilliu, “tziu” Giuanni Lilliu, fiat un’òmine mannu mannu chi pariat minore.
Unu Babbai, unu de cuddos betzos chi in sas biddas nostras ti lu dias semper cussigiare in antis de comintzare fainas e lu dias semper a iscurtare contende sos contos de sos antepassados. E cussu at fatu tziu Giuanni totu sa vida: nos at contadu sos contos de comente fiamus in cust’ìsula cando s’istòria furriaiat a alenos prus deghiles.

Read More

Lingua sarda interrata dalla Regione

L’attuale maggioranza al Consiglio regionale, alla base del suo programma, aveva come elementi fondamentali  l’Identità e  la Lingua sarda. Che il Presidente Cappellacci, alla fine del 2009, al Congresso sardista aveva ribadito con forza sostenendo:”abbiamo programmaticamente privilegiato i temi della lingua, cultura ed eredità culturale dei sardi come   «fattori di distintività»   in quanto essi conferiscono un’importanza decisiva alle tematiche per il radicamento del senso d’appartenenza.

Read More