Su Partidu Comunista de Sardigna.

Su Partidu Comunista de Sardigna.

– de Salvatore Serra –

Comunismu ite est, sinònimu de atzentramentu istatale o de federalismu? Dipendet. Intre sa ruta de su fascismu e s’agabbu de sa segunda  gherra mundiale unos cantos comunistas  sardos punnaiant a sa segunda solutzione. In su 1944 sos militantes e intelletuales Antoni Cassitta e Giuanne Antiogu Mura aiant disinnadu de fàghere nàschere su “Partito Comunista di Sardegna”. Prus de trinta annos a pustis, in su 1978, sa revista bilìngue “Nazione Sarda” at publicadu duos documentos de importu mannu: su manifestu programàticu de su partidu e s’istatutu; in prus, b’at un’intervista de su diretore Antoneddu Satta a  Antoni Dore, capu istòricu de su comunismu sardu.

In custu nùmeru de Limbasarda 2.0. torro a pubblicare sos duos documentos e s’intervista, a manera chi cadaunu si fatzat un’idea de cussa isperièntzia polìtica. In custas pagas  rias, però,  chèrgio tzentrare s’atentzione subra   de su manifestu, in ue si bidet crara sa fieresa natzionale de sos cuidadores, chi, a pustis de àere faeddadu de comente est intradu su fascismu in Sardigna, si pregontant: “Aspetteremo ancora che qualche altra diavoleria  politica giunga a noi per decreto sull’unico mezzo di Civitavecchia e provvisoriamente da una piazzaforte adriatica? No, non dobbiamo aspettare più esattamente nulla. Siamo forse noi una razza inferiore, incapace di concepire, formulare ed attuare un reggimento politico che serva gli interessi della nostra Isola? Ogni sardo fornito di licenza elementare   che ha messo piede sul continente ha onorato la Sardegna. Negli impieghi, nel commercio, nelle professioni liberali, nell’esercito, dovunque e sempre i sardi  sul continente sono stati citati ad esempio di onestà, serietà, capacità, attaccamento al lavoro e al dovere. Con tutte queste doti messe dai sardi a servizio della Sardegna, che cosa non si potrebbe fare? ”. Custu est su  sugetu polìticu chi disinnant:  “Intendiamo organizzare il nostro partito, che è il Partito dei lavoratori, in tal modo e con tale serietà di struttura, di intenti e di lotta da riuscire a convogliare tutte le necessità e le aspirazioni della classe lavoratrice sarda verso la realizzazione di un programma pratico, nel quadro dei movimenti proletari d’avanguardia, che costituisca il punto di partenza per la marcia in unione con gli altri paesi verso il raggiungimento dell’ordine economico, sociale e politico che, solo, costituisce la soluzione necessaria del conflitto ora inconciliabile della società, verso la società socialista federativa da cui sorgerà la società comunista ”. E custu   est su cuadru istitutzionale che proponent: “Proponiamo e auspichiamo la costituzione di una repubblica socialista federativa in cui la Sardegna sarà inserita come repubblica autonoma sarda. Frattanto parteciperemo alla lotta contro    nazismo e fascismo fino alla liberazione totale. Fondamento costituzionale della repubblica sarda dovrà essere una costituzione propria conforme alle condizioni particolari dell’Isola ed in armonia con la costituzione della Repubblica cui sarà federata. Sovranità piena senza altri limiti se non quelli della costituzione federale centrale”.

      Comente est andada? Non bene. In su 1947 Palmiro Togliatti, cane mannu de su comunismu italianu, est lòmpidu  a Sardigna pro pònnere in campu e  ghiare sa “furriada autonomista”, cunforma a su chi pensaiat chi depiat èssere  s’assentu costitutzionale venidore de sa Repùblica.  Nudda federalismu, tando, e, galu prus, pagu, indipendèntzia, ma una casta de autonomia dèbile, presa a duas bias a sos mecanismos de controllu de s’Istadu,   comente la tenimus oe. E subra de sos comunistas federalistas sardos est faladu su belu tristu de sa “damnatio memoriae”.

 

Leave a comment

Send a Comment

S'indiritzu email tuo no at a èssere publicadu.