Bancu de Sardigna: precampionadu a runda.

dinamo

Una preparatzione a runda, belle totu in Sardigna sa chi ant aprontadu sos dirigentes de sa Dìnamo de Tàtari. S’iscuadra est galu a èssere formada ma s’ischit giai comente at a èssere su precampionadu, chi ocannu at a tènnere pro base su Geovillage de Terranoa. Su ritiru est dispostu pro su 25 de Austu e s’urtima proa innantis de comintzare su campionadu at a èssere su “Tzitade de Tàtari” in su PalaSerradimigni su 5 e su 6 de santugaine. Ocannu sa pre season est prus longa ca bi sunt sos Europeos e su campionadu nche comintzat a bia de mesu Santugaine. B’at iscuadras meda (Roma, Avellino, Siena, Varese, Galatasaray, Cantù, Brìndisi, e un àtera galu a seberare) chi ant a bènnere a Sardigna pro giogare contra a sos tataresos, e issos puru ant a mòere a Brìndisi pro unu Torneu.

In Sardigna su Bancu at a giogare 13 partidas in unu mese e at a girare carchi bidda che a S’Alighera, Padru e Casteddu, pro sa cuntentesa de sos tifosos chi no nche devent andare a continente pro sighire sa preparatzione de s’iscuadra sarda.

Limba sarda e benidore, si non cumbenit sa gherra est pèrdida.

limbasarda

A ite serbit in su 2013 sa limba sarda? Sa beridade est una ebbia, sa limba sarda in su tempus de oe non serbit a nudda, finas si a nos pensare unu mundu ue sa limba sarda no esistit prus no est chi siat una de sas mègius cosas.

Ma comente si siat, totu cussos babbos e cussas mamas chi ant fatu a manera de nche istritzire sa limba sarda dae su coro de sos fìgios, l’ant fatu pro bonu, l’ant fatu ca in idea issoro fiat a megiorare su benidore de sos fìgios.

Tempus chi como est mudende: como est su tempus de sos sèberos.

Amus cumpresu chi sa limba sarda nche l’ant istritzida sos sardos matessi ca fiant cumbintos chi pro sos fìgios non fiat de importu, ca in paràulas cruas non bi bogaiant profetu perunu dae su de ischire su sardu.

E duncas? Como tocat de seberare e sos caminos sunt duos:

  1. de sa limba sarda no nde l’afutit nudda a nemos e la lassamus andare de gasi che a sa barca de carruba..
  2. de sa limba sarda nos nd’afutit e devimus fàghere cale si siat cosa pro la sarvare.

E si comente inoghe semus arresonende de crèschida de sa Sardigna su pensamentu meu  est chi chene limba sarda non b’at crèschida in Sardigna, su tempus chi semus bivende como est sa mustra chi meda de sa polìtica de cada ala chi est istada acumprida no est istada de profetu pro sa Sardigna, e forsis no lu est istada ca est istada pensada cun ogros chi non sunt de sos sardos, est istada iscrita cun paràulas chi non sunt sardas e tando comente faghimus a nos ispantare si no at funtzionadu?

Tocat de abbaidare cun ogros sardos, e cun sa visione de sa polìtica chi punnet a sa Sardigna.

Sa paràula chi cada ala polìtica bogat a capu in ogni votatzione est  AUTONOMIA, ma chene sa limba non podet esìstere s’autonomia, s’unica punna sua est a faddire. A pèrdere.

 

E si cherimus custu sa polìtica devet fàghere petzi una cosa: amus naradu in antis chi una de sas cajones de sa debilesa de sa limba sarda est sa pagu cumbènia chi issa produit.

E tando b’at petzi una cosa de fàghere: s’intendet meda inoghe chistionende de SUPER LEGES…

bene, una super lege a pitzu de sa LIMBA SARDA, e su printzìpiu chi devet ispirare custa lege devet èssere unu ebbia. LIMBA SARDA  = CUMBENIA:

in cada àmbitu de sa sotziedade.

Apo a fàghere paju de esèmpios ma bi nde diat àere 1000

 

  1. Pro intrare a sos postos de traballu pùblicos in Sardigna tocat de ischire faeddare e iscrìere in Sardu.
  2. Sas iscolas chi faghent su sardu curriculare mantenent sa presidèntzia e sas classes finas cun su chimbanta pro chentu in mancu de su mìnimu chi bi cheret pro sas iscolas chi non faghent sardu curriculare.
  3. Sas atividades chi proponent cartellonìstica, menu, etichetas etc finas in sardu ant cumbènias fiscales de importu. (tassas minimadas de su 50 pro chentu)
  4. sos mèdios de comunicatzione chi proponent su  pro chentu de programmatzione o de artìculos in sardu ant cumbènias fiscales de importu (tassas minimadas de su 50 pro chentu).
  5. Sos entes locales chi non faghent sos atos bilìngue andant in penalidade in bandos e finantziamentos: chie imbetze faghet sos atos bilìngue at a àere premialidades in bandos e finatziamentos.

 

Custos sunt pagos esèmpios de comente sa classe polìtica diat pòdere, cherende fàghere fronte a sa chistione de sa limba sarda.

Est craru chi pro fàghere totu custu bi cheret una muda a s’istatudu, ma custu est su sentidu prus profundu de s’autonomia, chi tocat de torrare a leare.

Cheria serrare s’arresonu meu cun unu cunsideru a pitzu de sas iscolas de s’infàntzia, ca, in sos logos ue galu si mantenet sa trasmissione intergeneratzionale est su primu logu ue sa limba si nche istritzit.

Diat èssere fundamentale a obligare totus sas iscolas maternas sardas a fàghere su  50 pro chentu de letziones in sardu, pro chi si mantèngiat dae minore e e si creet sa cussèntzia de su bilinguismu.

Si sa polìtica cheret, custu est su còmpitu suo. Si sa polìtica non cheret non si cuet in palas de chistiones farsas, ma lu nàrgiat a craru: de sa limba sarda non nos nd’importat nudda.

E si leet custa responsabilidade in cara de totus sos sardos.

Concruidu su FOLS.

FOLS

Eris 4 de trìulas de su 2013 est acumpridu su primu cursu FOLS, formatzione de operadores de sa limba sarda.

Su cursu l’ant tremesadu su Servìtziu Regionale de sa Limba e de sa Cultura Sarda e sa Sotziedade cooperativa L’ALTRA CULTURA de Aristanis.

Pro 51 oras sos dischentes ant ascurtadu letziones a pitzu de custos argumentos: sa realidade sotziu linguìstica de sa Sardigna e su ruolu de is operadores; s’amparu giurìdicu de is limbas e de is minorias linguìsticas; istandard regionale e variedades diatòpicas ; su reconnoschimentu polìticu-sotziale de sa limba sarda; su reconnoschimentu iscientìficu de sa limba sarda; sas normas linguìsticas de riferimentu;sa pianificatzione linguìstica in Sardigna.

S’ùrtima letzione l’ant fata sos prof. Bielle Jannacaro e Vitòriu Dell’Aquila, caddos mannos de sa pianificatzione linguìstica europea, chi ant afrontadu custu tema faghende finas proare sos dischentes a fàghere sèberos de istandard, leende a esèmpiu sa limba ladina.

A pustis a totu sos dischentes lis ant cunsignadu s’atestadu de frecuèntzia.

A nd’àere bonu profetu.

Limba sarda e polìtica linguìstica

Sardigna

Sardigna

A sas eletziones regionales de su 2014 bi cheret mancu de un annu. E tando tocat de comintzare a pònnere in craru sa chistione de sa limba sarda, pro fàghere a manera chi sos partidos la pongiant in sos programmas polìticos.

E tando podimus comintzare a fàghere un’anàlisi de sa situatzione ma fintzas comintzare a ofèrrere solutziones a sas problemàticas.

Carchi idea est dada dae sos chi traballant in s’Ufìtziu de sa Limba Sarda, ca pro su tipu de traballu chi faghent sunt in cuntatu cun gente meda, cun sos pitzinnos e sos maistros de sas iscolas, cun dipendentes de entes pùblicos e cun amministradores.  Dae parte de custa gente b’at interessamentu mannu, ma issos a sa sola non podent dare su chi sa gente pedit: mancant sas conditziones pro megiorare unu servìtziu chi depet crèschere e chi si devet ismannire.

Pigamus su traballu de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda: ocannu, pro nàrrere, in 46 biddas de sa provìntzia de Nùgoro b’at un’isportellu de sa limba sarda, ma in cada bidda bi traballant petzi duas oras a sa chida. Comente si faghet a fàghere in una bidda unu progetu de importu cun duas oras de traballu ebbia? Sos amministradores diant chèrrere unu servìtziu prus istàbile, ma a banda chi no ant dinari pro annànghere carchi ora dae su bilàntzu cumonale, no ant mancu possibilidade de pòdere istabilizare sos operadores, ca sa lege non lu permitit.

Sas iscolas: in sas iscolas su sardu est fatu a sa “sant’arràngia·ti”, semper chi b’apat maistros chi nd’ant gana de lu fàghere e chi l’iscant fàghere. A bortas si faghet cun s’agiudu de sos ufìtzios de sa limba sarda, ca sunt issos a propònnere atividades e materiales didàticos a sas iscolas. Custu ite cheret nàrrere? Chi mancant duncas programmas e materiales didàticos pro su sardu in s’iscola. Sa limba sarda no est orgànica a s’iscola, est bida semper che a una cosa de foras, una cosa in prus, un’atividade extra-curricolare, belle che unu giogu pro ispassiare sos pitzinnos.

Mèdios de comunicatzione: in sos giornales, in sa ràdiu e in sa televisione (francu carchi “riserva indiana” locale) su sardu non b’est. E cando b’est est postu unu pagu a banda. Bi diat èssere paritza gente chi diat èssere cualificada a fàghere giornalistas e redatores in limba sarda, cun su profetu chi diant èssere bonos fintzas a iscrìere in limba italiana. Su de connòschere sa limba sarda no est bidu che a una cosa in prus ma che a una cosa de mancu.

Dae custa analisi, curtza-curtza e lestra-lestra, si podet notare chi sos problemas de su sardu sunt mannos ca mancat belle che in cada àmbitu de sa bida tzivile e de sa bida fitiana. E si mancat est ca sa polìtica lu faghet mancare: mancant sas punnas e sos inditos polìticos e sena de custos su sardu no at a èssere mai bidu che a unu profetu pro sa sotziedade. S’importu de sa polìtica est custu: su de pigare impignos e fàghere nàschere possibilidades. Est inutile chi b’apat intessamentu mannu pro su sardu si a pustis non bi sunt sas conditziones pro fàghere crèschere unu servìtziu. Ca su sardu est unu servìtziu! A nois matessi.

Pensade a su chi b’at capitadu a sas bibliotecas pùblicas e a sos servìtzios sotziales: sunt duos servìtzios chi in Sardigna sunt partidos belle che paris in sos annos ’70 de su sèculu coladu.Ma a pustis de sa lege regionale n. 4 de su 1988 sos servìtzios sotziales sunt devennidos unu servìtziu beru, sas bibliotecas ant galu milli problemàticas e sunt isetende una lege chi pòngiat règulas e chi fagat de sas bibliotecas una retza e unu sistema orgànicu de sa sotziedade.

Gasi che a sas bibliotecas semus nois cun su sardu: isetamus una polìtica chi diat inditos craros pro fàghere unu servìtziu orgànicu a sa sotziedade e non bidu che a una cosa de subra prus.

B’ais pensadu mai chi su sardu podet èssere de profetu pro sa crèschida econòmica de sa Sardigna? Ais mai pensadu chi podet èssere una manera pro dare postos de traballu a laureados meda? Pensade unu pagu  a su sardu in s’iscola, in s’universidade, in s’editoria, in sos mèdios massivos, in sos entes. Cantos postos de traballu bi diant èssere a nou? E su chi in italianu si narat “indotto”?

Dade cara a su chi bos so narende: non bos so faeddende de limba sarda in sas làcanas  de s’identidade e de su connotu, bos so faeddende de su sardu in s’economia, in sa cultura e in su tempus benidore.

E tando sas propostas diant èssere a manera simple:

1.     Impignu berdaderu pro sa polìtica linguìstica:  lege noa e crara, chi megioret sa lege regionale n. 26/97

2.     Sardu in sas iscolas, non cun progetos ebbia, ma chi siat curricolare

3.     Sardu in s’universidade, non cun cursos tipu “Filosofia morale della Sardegna” ma cun unu cursu de làurea e cun esàmenes in sardu

4.     Sardu in sos mèdios massivos, mescamente cun unu Rai Tre bis regionale in limba sarda comente pro su ladinu e su tedescu in Friuli

5.     Sardu in sos entes pùblicos e duncas fintzas in sos cuncursos pùblicos, a manera chi chie l’ischit apat puntègiu in prus.

E dae chi semus arresonende de polìtica regionale est pretzisu ammentare sas paràulas de unu de sos polìticos prus mannos chi sa Sardigna e su mundu apat connotu, Antonio Gramsci. In sa lìtera nu 23 de su 26 de martzu de su 1927, connota che a “Lìtera a Teresina” isse narat: “Devi scrivermi a lungo intorno ai tuoi bambini, se hai tempo, o almeno farmi scrivere da Carlo o da Grazietta. Franco mi pare molto vispo e intelligente: penso che parli già correntemente. In che lingua parla? Spero che lo lascerete parlare in sardo e non gli darete dei dispiaceri a questo proposito. È stato un errore, per me, non aver lasciato che Edmea, da bambinetta, parlasse liberamente in sardo. Ciò ha nociuto alla sua formazione intellettuale e ha messo una camicia di forza alla sua fantasia. Non devi fare questo errore coi tuoi bambini. Intanto il sardo non è un dialetto, ma una lingua a sé, quantunque non abbia una grande letteratura, ed è bene che i bambini imparino piu’ lingue, se è possibile. Poi, l’italiano, che voi gli insegnerete, sarà una lingua povera, monca, fatta solo di quelle poche frasi e parole delle vostre conversazioni con lui, puramente infantile; egli non avrà contatto con l’ambiente generale e finirà con l’apprendere due gerghi e nessuna lingua: un gergo italiano per la conversazione ufficiale con voi e un gergo sardo, appreso a pezzi e bocconi, per parlare con gli altri bambini e con la gente che incontra per la strada o in piazza. Ti raccomando, proprio di cuore, di non commettere un tale errore e di lasciare che i tuoi bambini succhino tutto il sardismo che vogliono e si sviluppino spontaneamente nell’ambiente naturale in cui sono nati: ciò non sarà un impaccio per il loro avvenire, tutt’altro.”

Custu fiat Gramsci in su 1927. Cale partidu polìticu narat sas matessi cosas, oe in su 2013?

Est sa polìtica chi podet dare inditos craros a sa polìtica linguìstica: sa limba sarda los est isetende. O si nono si nerat a craru chi idea de los dare non bi nd’at.

Riccardo e s’esàmene in limba sarda: bìnchida o derrota?

Cartina

Cartina

Sos mèdios de comunicatzione de sa Sardigna ant chistionadu meda custas dies de Riccardo Làconi, unu pitzinnu chi at seberadu de fàghere sos ùrtimos esàmenes de tertza mèdia in s’Istitutu Alfieri de Casteddu in sa limba sua, su sardu. Su pitzinnu at faeddatu de Emìlio Lussu, de David Herbert Lawrence e de bioedilìtzia. S’ùrtima nova est chi sa votatzione chi l’ant dadu est de 10. Fintzas in sa retza sotziale de Facebook si notat su gosu de sa gente pro custa nova: si nde chistionat che a unu passu mannu pro sa limba sarda in sas iscolas. E forsis lu est de aberu.

Ma si a un’ala bat de gosare pro s’ànimu e s’issèberu chi at fatu Riccardo, a s’àtera b’at de si pònnere a tìmere.  “[…] ieri mattina ha sorpreso ed entusiasmato la commissione d’esame”: petzi ca at faeddatu in sardu? Si meledamus unu pagu nos sapimus chi semus a su puntu chi nos semus ispantende de unu pitzinnu chi faeddat in sa limba pròpia. Si fiamus istados in una situatzione de normalidade de sa limba sarda, a su lèghere sa nova “Dà in sardo l’esame di terza media” sa reatzione normale diat èssere istada “E tando?”.

E imbetzes semus restados incantados ca nos abbalaucat chi unu pitzinnu potzat chistionare in sardu in sas iscolas; chi unu pitzinnu de trèighi annos siat a tretu fàghere s’esàmene in sardu.

L’ammentades su vocàbulu, su contigheddu de “ite abistos sos pitzinnos inglesos: a tres annos ischint faeddare s’inglesu!”?. Gasi semus faghende nois pro custa nova…

COMUNICATO STAMPA

Imprea sa Limba

Imprea sa Limba

Cagliari, come tutta la Sardegna, ha bisogno del bilinguismo italiano–sardo. Le ragioni sono le stesse per le quali lo si realizza nel più piccolo paese della Sardegna. Il bilinguismo è necessario per accorciare la distanza tra amministratori e amministrati, per creare un sentimento di appartenenza, per accrescere il protagonismo sociale, l’innovazione e lo sviluppo.

Cagliari, da antica città di mare, aperta quasi per definizione, deve rinnovare e sviluppare questa tendenza. L’occupazione dipende dallo sviluppo, questo dipende dalla creatività e dal protagonismo (accompagnati dalla formazione necessaria) e questi ultimi dipendono dal senso di identità e di appartenenza.

Il senso di identità e di appartenenza, inteso come consapevolezza di sé, delle proprie risorse, dei propri mezzi e, ovviamente, dei propri desideri, non è un dato acquisito. È il risultato di un percorso che donne e uomini fanno, coscientemente o meno. L’emersione verso l’ufficialità della lingua non-ufficiale, in tutte le regioni del mondo dove esiste una lingua locale non ufficiale, diventa il più potente mezzo per compiere questo cammino.

La prosperità che vogliamo per Cagliari deve coinvolgere tutta la comunità cittadina.

Al monolinguismo italiano opponiamo il bilinguismo italiano-sardo. All’imposizione di un’univoca identità italiana opponiamo la costruzione di un’identità sarda in perenne movimento. È una condizione irrinunciabile per riconoscerci valore. E dunque per riuscire a produrlo. Finalmente. Qualunque identità nazionale è eterogenea. Le differenze, che si concretizzano in molteplici sensibilità e abilità, sono condizione essenziale per lo sviluppo.

Cagliari svolge un ruolo irrinunciabile. Non è possibile il bilinguismo in Sardegna senza il bilinguismo a Cagliari. Al contrario, visto che Cagliari è il centro dell’economia, della politica e dell’amministrazione sarda, se diventa bilingue il capoluogo diventa bilingue tutta la Sardegna. La lingua catalana ha ripreso così tanto vigore perché se n’è fatta carico Barcellona.

L’attuale Amministrazione ha mostrato sensibilità e attenzione rispetto al tema del bilinguismo. Sono stati conseguiti diversi risultati: l’introduzione della toponomastica bilingue per tutta la città; il primo progetto per la costituzione dello sportello linguistico comunale, coi i fondi della legge 482/99; la notevole estensione della possibilità dell’uso del sardo in ambito consiliare.

In 2 anni questa Amministrazione ha fatto per il sardo quanto nei precedenti 20 anni non era stato neppure abbozzato.

Ma riteniamo che tutto questo non possa essere che l’inizio dell’avvio di una politica comunale forte, che miri a diffondere l’uso del sardo in città e a dare al sardo lo stesso rango che viene riconosciuto all’italiano. A tal fine, abbiamo preparato e sottoposto alla maggioranza un Ordine del Giorno che introduce la conoscenza di elementi di lingua sarda quale elemento premiante nei concorsi del Comune. Si vada a vedere cosa succede in Valle d’Aosta o a Bolzano su questi temi, per capire quanto siamo indietro rispetto a politiche di bilinguismo perfetto.

Su questi temi apriamo un confronto pubblico, e si discuta chiaramente se si vuole promuovere o meno il bilinguismo. I modi ci sono.

Il bilinguismo è una questione complessa. Sono complessi gli strumenti normativi che lo promuovono, è delicata l’attività che insiste sull’identità della città ed è alta la posta in gioco: lo sviluppo sociale ed economico del capoluogo e della Sardegna. Per questo poniamo con forza il tema del bilinguismo all’attenzione della discussione politica cittadina, in modo che il sardo possa diventare un potente motore di cambiamento per migliorare la vita dei cagliaritani e dei sardi tutti.

Cagliari, 19 giugno 2013

Cordialmente,

Enrico Lobina

Giuseppe Andreozzi

Giovanni Dore

Marco Murgia

Ferdinando Secchi

Gastu mannu pro sos interventos contra a sos fogos

Foto de Anzelu Canu

“50 milliones de èuros: custu at a èssere su gastu de ocannu in tres meses de interventos contra a sos fogos”. A lu nàrrere  est s’assessore a s’Ambiente de sa Regione Sardigna Andrea Biancareddu chi a pustis de su fogu postu in Arbus martis coladu at denuntziadu totu sos gastos chi sa Regione depet fàghere fronte pro tres meses ebbia de atividade. E in prus at annantu chi “Amus a pagare totu nois ca s’Istadu no nos dat dinari perunu”.

Su contu de s’assessore est craru: s’ant a dèpere pagare 9000 istipèndios pro sos òmines chi ant a chircare de istudare sos fogos (Corpo Forestale, forestales, pompieris, barratzellos), 4 milliones e mesu de èuros pro afitare 12 elicòteros, sos gastos pro sa nafta e sa manutentzione de prus de 400 màchinas a disponimentu de s’Ente Foreste. Sena ismentigare sos gastos mannos pro s’afitu de duos Canadair.

Milliones de èuros duncas bogados a s’impreu de custu dinari contra a sa disocupatzione in s’ìsula, bogados a sa cultura, bogados a su megioru de sas iscolas. Sa neghidadura de sa gente, mancari in pagas dies, est giai manna, a su puntu chi in sa retza sotziale de Facebook b’at chie diat torrare a sos <<Ordinamentos de fogu>> de sa Carta le Logu : “Qui si alcuna persona ponneret fogu istudiosamenti… se seghit silli sa manu destra”.

Nenè: un’àteru annu, e Cellino leat a Oikonomou.

C_3_Media_1725957_immagine_obig

Su mercadu de su Casteddu galu est a comintzare, ma su Presidente Cellino custas dies est acumprende sa còmpora de unu defensore grecu. Est Marios Oikonomou chi ocannu at giogadu in su Pas Giannina e chi lu podent impreare finas in mesu campu. Su negòssiu est mesu a sa cua, ma sa cosa est belle che fata. Sos dirigentes de su Casteddu ant bìnchidu sa cuncurrèntzia de sotziedades de importu che a s’Udinese e che a sa Fiorentina.

Miguel Anderson Da Silva “Nenè”, sa punta brasiliana at rennoadu pro un’àteru annu su cuntratu cun su Casteddu e annoas puru at a giogare in sèrie A cun sa sotziedade de Cellino.

Appunti per una politica di pianificazione linguistica

Roberto Bolognesi

Roberto Bolognesi

La politica linguistica della RAS deve mirare a due obiettivi:

1) la rivitalizzazione del sardo: il sardo deve tornare a essere una lingua normale.

2) il superamento della tragica situazione della dispersione scolastica in Sardegna.

Io penso che questi due obiettivi siano in fondo riconducibili a un unico obiettivo generale: la realizzazione del bilinguismo perfetto.

Quando il sardo sarà utilizzato in tutte le situazioni in cui oggi si usa l’italiano–e soprattutto a scuola e nelle università–anche molti dei problemi linguistici dei giovani sardi saranno superati.

Questo perché una più esplicita e–si presume–più corretta conoscenza del sardo non può che comportare una maggiore coscienza della presenza di moltissimi elementi lessicali e grammaticali del sardo nell’italiano effettivamente usato dai Sardi.

La polarizzazione linguistica italiano-sardo non può che migliorare la competenza dei ragazzi nell italiano standard e, di conseguenza, il loro rendimento scolastico.

Oggi, malgrado la presunta italianizzazione linguistica della Sardegna, troviamo nell’isola una situazione scolastica paragonabile a quella di altre regioni in cui sono presenti minoranze linguistiche: Ripetenza in Italia e fuori – rilevazioni INVALSI – T. Pedrizzi

Scuola secondaria di 2° grado (2° anno) Anche qui, per quanto riguarda le percentuali di posticipatari [ripetenti] presenti nel campione, viene rilevata una loro maggiore presenza nelle regioni settentrionali ed una diminuzione costante nel passaggio dal Centro a Sud. In Val d’Aosta sono il 31% e nelle scuole italiane della Provincia di Bolzano il 38%. Scendendo al Sud, la tendenza alla diminuzione è la stessa della scuola media, fino ad arrivare al 13% della Calabria. Unica eccezione la Sardegna che arriva al 30%. Le cause ipotizzate sono sempre le stesse.”
Val d’Aosta: 31%
Sud Tirolo (scuole italiane): 38%
Sardegna (chissà perchè associata al meridione, ma in controtendenza): 30%
Che il ritardo scolastico–e la dispersione–siano collegati alla situazione linguistica viene confermato da un’altro dato: nel 2010, la segretaria regionale della CISL, Oriana Putzolu,  affermava che “ L’indicatore percentuale di studenti con scarse capacità di comprensione della lettura, riferito all’aggregato “Isole”, evidenzia che il 36% circa degli studenti isolani non risulta in grado di comprendere nemmeno testi che presentano un livello di difficoltà molto basso.”
Ma la verità è che, anche se possiamo intuire facilmente il rapporto tra situazione linguistica e ritardo scolastico, non esistono studi in proposito.
L’ultimo studio importante dedicato all’italiano parlato dai Sardi è quello di Ines Loi Corvetto: “L’italiano regionale di Sardegna”, del 1983.
Allo stesso anno risale l’articolo di Angioni, Lavino e Lörinczi sulle interferenze dal sardo all’italiano nell IRS (Sul senso comune dei sardi a proposito delle varietà linguistiche usate in Sardegna (coautori G. Angioni e M. Lörinczi Angioni), in Gruppo di Lecce (a cura di), Linguistica e antropologia. Atti del XIV Congresso Internazionale di Studi della Società di Linguistica Italiana (Lecce, 23-25 maggio 1980), Roma, Bulzoni, 1983 (prepubblicato anche in “Quaderni sardi di storia”, 2, 1981, pp. 35-56).
Agli stessi anni risalgono anche gli altri studi di Lavinio sulla lingua dei ragazzi delle scuole sarde (Pubblicazioni – Saggi e articoli).
Esistono poi almeno due articoli su studi effettuati da Sardi al di fuori delle università italiane di Sardegna:ECCA, S. & GARAU, A. (1999): “Interventi nell’ambito dell’attuazione del progetto 7 B/2 Affermazione dei valori dell’identità nel sistema scolastico isolano”; ERDAS, F.E. (1988) La lingua sarda nella scuola elementare in Sardegna, Italia, Fryske Akademy/EMU-projekt, Ljouwert.
In Francia è apparso “L’education bilingue precoce en contexte diglossique: elements d’une analyse d’une experience pedagogique en Sardaigne”, Tesi di Dottorato, Université de Marseille, ANDRE, E. (1997) Aix-Marseille.
E sempre all’estero, i seguenti articoli di sociolinguistica: RINDLER SCHJERVE, R. (1998) “An indicator for language shift? Evidence from Sardinian-Italian bilingualism”, in JACOBSON, R. (ed.) Codeswitching Worldwide, Berlin-New York, Mouton de Gruyter, 221-247; RINDLER SCHJERVE, R. (1981) “Bilingualism and language shift in Sardinia”, in HAUGEN, E. ET AL. (eds.), Minority Languages Today. Selected Writings, Edinburgh, 137-143; RINDLER SCHJERVE, R. (1998) “Codeswitching as an indicator for language shift? -Evidence from Sardinian-Italian bilingualism”, in JACOBSON, R. (ed.), Codeswitching Worldwide. Trends in Linguistics. Studies and Monographs 106, Mouton de Gruyter,
Berlin-New York, 221-247.
È dai tempi del libro di Loi Corvetto, scritto con l’intento dichiarato di voler dimostrare l’italianità linguistica della Sardegna, e in aperta polemica con il movimento linguistico “separatista”, che la curiosità e l’interesse degli accademici delle università sarde per la situazione linguistica dei giovani sardi si sono, diciamo così, assopiti.
Viene da pensare che, una volta compiuto il loro dovere, questi accademici, soddisfatti, si siano abbandonati al sonno dei giusti.
Bisogna arrivare al 2006 e al dinamismo di Renato Soru, per veder partire un nuovo studio di grande portata sulla situazione sociolinguistica della Sardegna: chirca sotziulinguistica
Ma questo studio quantitativo non ci dice niente sulla lingua effettivamente usata dai giovani sardi.
Il primo obiettivo di una qualsiasi pianificazione linguistica deve essere quello di conoscere la situazione in cui si vuole intervenire.
Sappiamo che oltre il 60% dei ragazzi sardi (maschi) ha dichiarato di avere una competenza attiva del sardo e sappiamo che tutti i giovani sardi sono “italofoni”.
Ma non sappiamo se gli idiomi usati da questi ragazzi corrispondano poi al sardo parlato da un parlante nativo anziano–da un lato–e all’italiano preteso dalla scuola–dall’altro.
Sappiamo soltanto che i dati sulla dispersione scolatica record ci avvertono che qualcosa qui non quadra.
L’università italiana di Sardegna è su questo fronte–usiamo pure un eufemismo–latitante.
Già soltanto il fatto che non esistano dei dipartimenti di lingua sarda, in cui si dovrebbe fare ricerca su morfo-sintassi, fonologia, sociolinguistica, dialettologia, pragmatica, letteratura del sardo la dice lunga sull ‘interesse degli accademici per la situazione linguistica e sociale della Sardegna.
Esistono le cattedre di “linguistica sarda”, cioè di fonetica storica tedesca dell’800.E questo è quanto.
Per sapere come intervenire oggi sulla situazione linguistica–e scolastica–della Sardegna, le etimologie non ci servono a molto.
Per sapere quanto la sintassi dell’IRS coincida con quella del sardo, divergendo quindi da quella dell’italiano, e condizionando perciò il rendimento scolastico dei ragazzi sardi, dobbiamo far partire una ricerca, cominciando praticamente da zero.
Questa è la situazione.
Si sono spesi milioni per combattere la dispersione scolastica, senza aver mai indagato il rapporto tra lingua dei ragazzi e rendimento scolastico.
Naturalmente non esiste neppure una grammatica contrastiva sardo-italiano, strumento indispensabile per produrre il materiale didattico–oggi praticamente inesistente–sia per introdurre il sardo nelle scuole, sia per fra prendere coscienza agli studenti di quanto ancora sardo sia il loro “italiano”.
Non sono mai state studiate quelle situazioni all’estero in cui le lingue minoritarie vengono insegnate con successo nelle scuole, per esempio, il Galles, dove è stata ribaltata una situazione in origine molto simile a quella sarda.
Si parla di introdurre il sardo nella suola e perfino come materia curricolare, ma senza avere la più pallida idea se si debba insegnare come L1 o L2 o chissà cos’altro ancora.
Si ha l’impressione che–senza dirlo–si voglia ripetere l’approccio statale all’insegnamento dell’italiano: costringiamoli a impararla questa lingua e alla fine la impareranno.
Un po’ come è stato fatto per la LSU prima e per la LSC poi: interventi dall’alto che non tengono conto delle esigenze della uniche persone che possono mantenere vivo e rivitalizzare il sardo, i parlanti stessi.
Primo passo per una pianificazione linguistica significa allora voler capire e conoscere quale sia oggi la situazione linguistica in Sardegna.
È possibile senza avere una struttura stabile di ricerca?

 

dae http://bolognesu.wordpress.com/2013/06/15/appunti-per-una-politica-di-pianificazione-linguistica/

Baronia e Gaddura impare pro solidariedade

pallone-calcio

S’isport che a unu mèdiu de solidariedade: est s’idea de sos chi ant ordimingiadu sa manifestatzione “Sa partita de su coro. Unu gol pro unu risitu. Agiua·nos fintzas tue”. Domìniga, su 16 de làmpadas, prus de chentu giogadores diletantes de fùbalu ant a leare parte a custu addòbiu pro agiuare un’atleta giòvanu chi at dae pagu iscobertu de tènnere una maladia mala.

Cras, in su campu comunale “Tonino Cossu” de Torpè s’ant a disafiare, a manera isportiva e cun amistade manna, sas iscuadras de Terranoa (su capitanu est su torpinu Gianluca Siazzu) de Torpè, e una ALL STAR, rapresentativa cun giogadores de sas iscuadras de Pasada, Budune, Nuorese, Thiniscole e Santu Diadoru.

Su torneu est ammaniadu dae sa sotziedade “Torpè Calcio” e dae totu sos àteros sòtzios de sa bidda baroniesa: pro more de sa solidariedade de sa gente e de sos butegheris de sa bidda s’ant a pòdere istrangiare sas sotziedades isportivas chi ant a leare parte a custa diada de benefitzèntzia.

Sa punna est duncas sa de collire dinari pro su giòvanu malefadadu e mustrare chi sos balores de s’isport s’intritzant bene cun sos balores de sa solidariedade e de sa bida.

Trasportos: narant chi b’aiat un’acordu…

S'ìsula de Taulara

S’ìsula de Taulara

S’AGCM (S’Autoridade  Garante de sa Cuncurrèntzia e de su Mercadu) at detzisu de multare bator cumpangias de trasportos: sa Moby, sa SNAV, sa GNV e sa Marinvesto, pro s’esserent postas de acordu a mantènnere artos sos prejos de sos billetes. Custu acordu diat èssere istatu fatu in s’istiu de su 2011, cando sos prejos pro Civitavecchia-Terranoa, Gènova-Terranoa e Gènova-Portu Turre sunt artziados prus de su 65%. Custu acordu lis at a costare a su nessi 8,1 milliones de èuros: custa est sa multa detzisa dae s’Autoridade.

S’acusa est istada fata dae sa Regione Sardigna, dae sa Regione Ligùria e dae unos cantos sòtzios de consumadores: pro issos est duncas una bìnchida de importu mannu in sa gherra de sos trasportos.

Compudende su chi b’at capitadu duos annos a como si notat chi  a manera mèdia sas tarifas de sa Civitavecchia-Terranoa e de sa Gènova-Terranoa ant ismanniadu de su 42% e de sa Gènova-Portu Turre de su 50%.

Custa crèschida de prejos non torrat, mancu tenende contu de s’aumentu de sa nafta e de sas pèrdidas de bilantzu de sa cumpangias: sa sola ispricatzione est chi intre de sas sas bator sotziedades b’at àpidu un’acordu.

Custa cundenna podet èssere de profetu ca s’at a pòdere impreare fintzas pro sa vertèntzia chi pertocat sa continuidade territoriale e pro fàghere sapire a sos de su Guvernu ite cumportat s’isularidade de sa Sardigna.

Su chi ispantat est: ma b’aiat bisòngiu de duos annos pro cumprèndere chi b’aiat un’acordu?